stagione

MEDEA

Di Seneca

Regia Carmelinda Gentile

Compagnia Korego Theater Group

Con Carmelinda Gentile e gli attori di Korego Theater Group di Amsterdam

MEDEA

Medea
Una vela strappata fa da sfondo a questa tragedia famosissima che riserva sempre
sorprese e che non smette mai di darci nuovi spunti di ispirazione e di riflessione.
Medea non ci racconta solo la storia di un tradimento e di una donna gelosa divenuta pazza tanto da compiere un gesto estremo per vendetta.
Medea ci racconta anche la storia di un fallimento sociale , di uomini e donne che si trovano a scontrarsi con culture diverse , di emarginazioni e soprusi ,di scelte dettate da disperazione , di mari attraversati e speranze perdute.
Medea ci parla di riti arcaici ,di una natura che ha perso il contatto con l’uomo ,dove la natura è lei Medea ;ci parla di rituali che scendono nell’abisso del dolore e si perdono nelle insaziabile desiderio di rivalsa.Di una perdita di identità´ e di ritorni impossibili. Ancora una volta lo schierarsi contro il divino e il tentativo di cambiare le regole fanno soccombere , e come Prometeo sfida Zeus e Penteo sfida Dioniso, così Giasone sfida la figlia del Sole e ne resta punito e schiantato.
In un giorno di lucida follia si giocano i destini dei protagonisti di una storia che nei secoli resta sempre attuale e che ci parla di uomini e donne le cui vicende non smettono di emozionarci.
Il coro e il messaggero sono i testimoni che ci raccontano di viaggi e storie , di un mare che attraversato ha sconvolto le regole dell'universo , di una contaminazione culturale che non potrà più dare stabilità al mondo, il cui frutto è proprio Medea male più grande e appunto dono del mare che arriva a compiere il delitto estremo .
Giasone è quasi un filosofo che se pur attratto dalle passioni, dal rapporto carnale che ha con Medea, alla fine sceglie la via della regione perdendo inesorabilmente.
Creonte è la tracotanza, colui che sfida il divino è l'uomo accecato dal potere , che se pur infondo temendo la forza ultra terrena è convinto di essere superiore.
La nutrice è un riflesso di Medea un suo alter ego , che pur potendo agire contro gli eventi sceglie di esserne testimone e infondo complice.
E tutti insieme giungono agli estremi di se stessi per superare l'ultima Tule.

Fuori Abbonamento
18 dicembre 2021

Orari

20,30

Prezzi

intero: € 22,00

ridotto: € 18,00

Acquista Online

Calendario Spettacoli(stagione 2021-2022 - clicca sulla data che ti interessa)
teatro marconi, Roma, biglietteria
teatro marconi, Roma, dove siamo